Gli alimenti del mese

Gli alimenti di supporto in questo mese sono:
– L’alteaAlthaea officinalis L., famiglia Malvaceae – spegne tutte le infiammazioni;
– il basilicoOcimum basilicum L., famiglia Lamiaceae – risolleva l’umore e scioglie la fatica;
– la betullaBetula sp. L., famiglia Betulaceae: rigenera i terreni interni e drena;
– l’orticaUrtica dioica L., famiglia Urticaceae – ricca di ferro aiuta ad equilibrare molti apparati dell’organismo;

– il ficoFicus carica L., famiglia Moraceae – la sua dolcezza infonde buon umore ed energia;
– l’uvaVitis vinifera L., famiglia Vitaceae– succo vitale che soccorre le ghiandole linfatiche;
– il noccioloCorylus avellana L., famiglia Betulaceae – energetico e depurativo contiene importanti oli.


– il finocchioFoeniculum vulgare Mill., famiglia Apiaceae – valido aiuto che calma i bruciori di stomaco e aiuta la digestione.

Foto di My pictures are CC0. When doing composings: da Pixabay 

www.federicaspaziani.it

Pranayama e Meditazione

Incontri di Meditazione e Pranayama
secondo gli insegnamenti di Yogi Bhajan.

La data di settembre sarà on line,
per i mesi successivi si deciderà a ridosso.
Rimarrà comunque la possibilità di continuare a seguirlo on line.

www.federicaspaziani.it
www.facebook.com/IlCuoredOroFedericaSpaziani
Instagram – federica_spaziani_priyaamank/

Teg Bahadur

Nono dei dieci Guru Sikh, figlio del sesto Guru Har Gobind, Teg Bahadur nacque nel 1621 e mori nel 1675.

Incline al misticismo, trascorse 27 anni a meditare in una caverna, poi compì molti viaggi di predicazione, creando diversi centri Sikh di cui il principale fi Anandpur Sahib.

Rientrato in Punjab fu arrestato dal sovrano dei Mughal, Aurangzeb e, rifiutandosi di convertirsi all’Islam, fu condannato a morte e decapitato, diventando il secondo grande martire dei Sikh.

Sacrificando la sua vita come martire per la difesa della libertà religiosa degli indù, Guru Teg Bahadur venne soprannominato il “Messia degli Indù”.

La sua persona incarnava i valori di pace, tolleranza, rispetto, e altruismo Guru Teg Bahadur, si guadagnò gratitudine e ammirazione immense da parte di tutti coloro che erano stati da lui protetti e salvati dall’oppressione.

www.federicaspaziani.it

Un po’ di numerologia

Nella numerologia sciamanica il 9 rappresenta la coreografia dell’energia, il minimo sforzo con il massimo rendimento e il perfetto equilibrio tra maschile e femminile.

Nella numerologia occidentale il 9 rappresenta il mistero e il grande potere del silenzio, simboleggia la saggezza, l’esperienza, l’amore umano, la moralità, il valore e il dominio.

Nella numerologia tantrica il 9 rappresenta il Corpo sottile.
È il mistero e la maestria, colui che sa e che insegna.
Qui, man mano che procedo, meditando, ascoltando, contemplando, il mistero si riduce, non hai più paura di tutte queste dimensioni.
Il corpo sottile sente a distanza, non ci sono spazio e tempo. È un numero che porta la pazienza, la calma, la capacità di conoscere tra le righe quello che sta succedendo e la velocità nel connettere le informazioni. Dà una direzione, una linea, essendo la diretta emanazione della nostra Anima.

Foto di Hebi B. da Pixabay 

Come prenderti cura della tua salute

Settembre è il mese dell’equinozio di autunno, momento importante che segna il movimento dell’energia, e in genere crea una piccola o grande crisi nel nostro organismo. L’equinozio muove, ma cosa muove?

Ci dà l’opportunità, attraverso i dolori o gli squilibri fisici ed emotivi che “saltano di nuovo fuori!”, di ripulire il nostro sistema, di ringiovanirlo e rinforzarlo per affrontare la stagione invernale con una buona scorta di energia.

E’ il momento ottimale per drenare ancora un po’ il nostro organismo, senza però metterlo sotto stress, per eliminare le ultime tossine, mangiare cibi leggeri e nutrienti e pensare a come prendersi cura del proprio fisico, della propria mente e della propria energia, attraverso una pratica salutare.

Foto di ddzphoto da Pixabay 

www.federicaspaziani.it

La mente

lotus-142028_1920.jpg

 

La vostra mente è costituita da molte parti.

Queste parti lavorano insieme in modo specifico per elaborare i pensieri.

Quando le parti non sono adeguatamente sincronizzate, i pensieri vanno a impigliarsi nelle funzioni potenti e automatiche della mente.

Questi garbugli creano gli intrighi in cui vi ritrovate intrappolati.

Un pensiero può essere così intenso da sembrarvi più vero di voi.

 

Yogi Bhajan e Gurucharan Singh Khalsa

Foto di 庆锋 张 da Pixabay

 

www.federicaspaziani.it